Parliamo di tasse, imposte e contributi

Parliamo di tasse, imposte e contributi

L’unico problema che hanno gli italiani è l’evasione fiscale e contributiva.muratori.jpg

Questo già si sapeva.

Oggi della questione il Presidente del Consiglio vorrebbe investire la Chiesa Cattolica.

Forse con l’aiuto dei preti pensa di riuscire a convincere i suoi concittadini a pagare le tasse ed i contributi.

Appunto le tasse.

Esempio piccolo piccolo:

Un artigiano dichiara nel suo primo anno di attività un reddito, prima delle imposte, pari ad euro 18.000,00.

Stiamo parlando di 1.500,00 euro lordi mensili prima delle tasse.

Si tratta di un ragazzo e quindi non ha familiari a carico.

L’anno successivo deve pagare (fra giugno e novembre):

irpef saldo euro 3.643,00;

irpef acconto 1^ rata euro 1.442,63;

irpef acconto 2^ rata euro 2.163,94;

addizionale regionale euro 162,00;

addizionale comunale euro 90,00;

acconto add. comunale euro 27,00;

Irap saldo euro 425,00;

Irap acconto 1^ rata euro 168,30;

Irap acconto 2^ rata euro 168,30;

Saldo contributi IVS a percentuale euro 828,00;

Acconto IVS prima rata euro 431,18;

Acconto IVS seconda rata euro 431,18;

Minimali IVS euro 2.374,00.

TOTALE EURO 12.354,53.

Ho deliberatamente lasciato perdere altri vari balzelli (TARSU, Pubblicità, COSAP ecc…).

Con i rimanenti 5.645,47 euro deve pagare l’affitto, mangiare, vestirsi e far fronte alle bollette.

Ovviamente non può avere una vita sociale.

Questa è l’allegra vita dell’artigiano.

L’artigiano medesimo è quindi COSTRETTO a diventare evasore altrimenti dovrebbe chiudere e si rischia l vita tutti i giorni

Parliamo di tasse, imposte e contributiultima modifica: 2008-12-01T08:43:45+00:00da mafiocrazia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento